Write Freely

Di recente ho scoperto l’esistenza di un sito web chiamato Write.as. Si tratta di una piattaforma sulla quale è possibile scrivere e pubblicare liberamente articoli di ogni genere, anche in forma anonima: andate sul sito, scrivete e pubblicate. Quello che otterrete sarà un link all’articolo pubblicato, che potrete condividere con chiunque nella modalità preferita (social networks, email, messaggistica istantanea, ecc.). Ovviamente quando si scrive bisogna rispettare delle regole piuttosto ragionevoli, quindi non si può usare la piattaforma per calunniare o diffamare altre persone, né si possono scrivere articoli a sfondo discriminatorio o dal contenuto illegale.

Questa piattaforma è utile soprattutto a quelle persone che hanno necessità di pubblicare informazioni e notizie mantenendo l’anonimato, ad esempio giornalisti che vivono od operano in zone dove la libertà di stampa è fortemente limitata o dove esprimere le proprie opinioni può costare veramente caro. Per questo, la pubblicazione di contenuti non richiede necessariamente una registrazione sul sito, né sono richiesti un nome utente o un indirizzo email.

Tuttavia, qualora lo si desiderasse, si può usare la stessa piattaforma per pubblicare un proprio blog, quindi con un indirizzo web e una identità ben precisa, in modo da raccogliere in un unico posto gli articoli di uno stesso autore (che può usare uno pseudonimo qualunque, ovviamente). Le funzionalità disponibili variano in base al piano che si decide di acquistare; esiste anche un piano gratuito, con alcune limitazioni.

Come ho scoperto Write.as?

Qualche mese fa stavo esplorando il blog di una distribuzione Linux che mi interessava provare sul mio portatile. Un post del blog era dedicato proprio alla piattaforma di blogging prescelta in seguito all’abbandono di un noto servizio; il servizio in questione non garantiva più la libertà di fruizione dei contenuti pubblicati e quindi i mantainer della distribuzione si sono messi alla ricerca di un’alternativa. Alla fine la scelta è ricaduta su Jekyll, uno dei più famosi generatori di siti web statici particolarmente orientati al blogging. Tuttavia, nella discussione che illustrava come si è arrivati a scegliere Jekyll, l’autore ha citato anche Write.as, parlandone in maniera estremamente positiva, e questo mi ha incuriosito e spinto a informarmi ulteriormente.

Write Freely

Il motore che sta alla base di Write.as è un’applicazione scritta in Go (un linguaggio di programmazione open source sviluppato da Google). Quello che inizialmente era un software realizzato esclusivamente per Write.as è stato successivamente reso pubblico con licenza libera e chiamato write freely. Chiunque può scaricare, installare, usare il software sul proprio computer o server ed utilizzarlo come piattaforma di blogging nella maniera che più ritiene opportuna. Se siete in grado di scrivere codice, potete anche contribuire allo sviluppo e miglioramento dell’applicazione. I requisiti minimi per far girare questa applicazione sono veramente modesti, al punto che potete installarla senza problemi anche su un piccolo Raspberry Pi. Considerate che anche gli sviluppatori del kernel Linux hanno i loro blog pubblicati con Write Freely: https://people.kernel.org/read

Perché mi piace?

E’ presto detto. Quando si scrive su un blog fatto con Write Freely ci siete soltanto voi e i vostri pensieri, tutto il resto è tagliato fuori: non ci sono “like”, cuoricini, contatori di visite, tastini di condivisione, pubblicità, sponsor, bells and whistles a distrarvi dai vostri argomenti. Un articolo è fatto per essere letto e basta, non ci sono commenti, condivisioni o altre distrazioni: conta soltanto il contenuto. Per una persona poco avvezza ai social network come me è la modalità migliore per esprimersi e condividere i propri pensieri, e questo è il motivo per il quale ho scelto Write Freely per i blog degli utenti di un mio sito web dedicato alla città di Veroli, che spero sarà presto on line con quanti più partecipanti possibile.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.